Sbarco in Normandia, Omaha Beach

di
La spiaggia di Omaha Beach, Normandia © Stefano Bobba

La spiaggia di Omaha Beach, Normandia © Stefano Bobba

L’alba è una sottile linea rossa, schiacciata tra il mare e il cielo, nell’orizzonte della Normandia. Cammino la spiaggia soffice di Omaha Beach nel silenzio sussurrato dal vento e dall’oceano Atlantico.

Doveva essere così anche quel giorno lontano nella Storia, prima che le acque diventassero d’acciaio e il cielo di fuoco. Era il 6 giugno del 1944, il D-Day: navi di ogni stazza si erano staccate dalla vicina Inghilterra per portare uomini e mezzi in Francia e liberarla dal giogo nazista.

Il primo colpo di cannone avvisò i tedeschi asserragliati nei bunker sulla collina: l’Invasione era iniziata. Le imbarcazioni al largo e gli aerei dall’alto cominciarono a scaricare tonnellate di piombo, sino a rendere l’aria irrespirabile. Dovevano sgomberare il terreno ai soldati per quello che sarebbe rimasto per sempre la più grande operazione militare della storia: lo sbarco in Normandia.

Ingannati dal fumo, i colpi degli Alleati finirono nell’interno, e quando i primi uomini della 29° Divisione di fanteria americana toccarono terra furono falciati dal fuoco incrociato di mortai e mitragliatrici. Il primo cadde qui, proprio dove sono adesso, su questi otto chilometri di spiaggia fine che si stendono tra Sainte Honorine des Pertes a Vierville sur Mer, nel dipartimento del Calvados, Bassa Normandia.

Tutto il mondo conosce la zona come Omaha Beach: era il nome in codice dato a una delle cinque aree (Sword, Juno, Gold, Utah) su cui poi sarebbero sbarcati le Truppe di Liberazione. Su questa spiaggia, che mi regala un senso di pace infinita, gli Alleati registrarono il maggior numero di perdite.

Omaha Beach nel 1944 durante lo Sbarco in Normandia © Robert F. Sargent

Omaha Beach nel 1944 durante lo Sbarco in Normandia © Robert F. Sargent

Molti annegarono prima ancora di toccare terra, appesantiti dall’equipaggiamento e rovesciati dalle imbarcazioni trivellate di colpi. Così i pochi superstiti si asserragliarono sotto quel muraglione verticale, laggiù, nella speranza che i genieri aprissero una breccia. Furono lunghe ore strazianti: vita e morte si combatterono per vincersi, e solo l’eroismo di alcuni ufficiali consentì ai superstiti di fare quadrato e di superare le linee nemiche.

Lascio la spiaggia e risalgo la collina. Qua e là ci sono ancora le torrette tedesche, gli ultimi resti di una fortificazione vinta. Una bambina bionda gioca con il padre: ride a cavalcioni sul cannone che spunta dall’erba alta. Più in là, un gruppo di camper è parcheggiato vicino alle trincee. Un signore infagottato nel suo giubbotto rosso mangia un panino e scruta l’orizzonte con il binocolo. “Bello, davvero bello”, dice alla moglie seduta sulla sdraia a bere il caffè.

Vago senza meta per queste colline, un senso di vuoto pesante dentro, e arrivo al Cimitero Americano di Colleville Sur Mer. Una distesa infinita di croci bianche riposa in questo silenzio assordante, rotto solo da un bimbo che corre scarmigliato con una mazzo di fiori gialli in mano.

Proseguo il mio giro nell’interno per arrivare là, proprio sopra la Pointe du Hoc, il costone di roccia sotto il quale erano imbottigliati gli americani. Il cielo si copre e diventa grigio piombo. Mentre lo guardo, in lontananza mi sembra di sentire colpi di cannone. Invece è solo il mare che si gonfia e sbatte sulle rocce. Lo vedo bene da quassù arricciarsi e morire a riva in onde sempre più grandi. Chi cercò di scalare il promontorio in quel giorno di 65 anni fa finì dabbasso sfracellato o morto crivellato appeso a una corda.

Torno sui miei passi mentre le ore passano lente, quasi estenuanti. Vicino al bagnasciuga incontro il monumento eretto per ricordare lo Sbarco in Normandia e i caduti. Una lunga stele si alza nel cielo francese. I caratteri sono tutti maiuscoli e grandi. Forse per non dimenticare. “Le Forze alleate sbarcate sulla spiaggia che chiamano Omaha Beach liberarono l’Europa il 6 giugno del 1944”.

Vicino, le bandiere di diverse nazioni aleggiano nel vento, impregnato di salsedine. Guardo al largo. Il tramonto è una sottile linea rossa, schiacciata tra il mare e il cielo, nell’orizzonte della Normandia.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Sbarco in Normandia, Omaha Beach"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...